Agenda per la crescita economica

Il ministro per lo Sviluppo economico, Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera, ha ben delineato i 10 punti chiave per la ripresa dell’economia italiana che si articoleranno in decreti legge, disegni di legge e decreti ministeriali tra maggio e presumibilmente la fine dell’anno.
Nel dettaglio si sono affrontati i temi delle infrastrutture, del merito nella Pubblica Amministrazione e nel settore privato, della riforma degli incentivi, della nascita dell’Agenzia per l’Agenda digitale, degli interventi per la stessa Agenda, della definizione della pianta organica del nuovo Ice, della certificazione dei debiti della Pubblica Amministrazione, del recepimento della direttiva sui pagamenti futuri, dello sviluppo della filiera della green economy e della spinta alle start up innovative.

Un approfondimento sulla riforma degli incentivi è doverosa, in quanto si propone di agevolare e sviluppare la tendenza all’innovazione. Verranno abrogate circa 40 norme nazionali al fine di creare un sistema automatico e permanente di credito d’imposta alla ricerca e allo sviluppo innovativo.
A fianco a queste manovre troviamo il sostegno alla nascita delle start-up innovative che attraverso interventi finanziari, amministrativi, normativi e fiscali andrà a promuovere l’avviamento delle nuove attività.